sabato 29 giugno 2013

Chiedi perdono - AnnMarie MacDonald (recensioni rispolverate)

IL LIBRO IN PILLOLE: Ormai sono morti tutti. [Resistete ad una frase del genere!!]

Credo che il titolo originale sia molto più evocativo e crudele: Fall on your knees . Ma non c'è problema, perché il libro è abbastanza evocativo e crudele di per sè. 
Sfido chiunque a leggere questo libro e non venire assalito da una valanga di sentimenti contrastanti: pietà, odio, amore, tenerezza, disperazione, impotenza.
E' un libro crudo e doloroso, eppure in grado di tenerti lì incollato alle pagine, con un desiderio quasi perverso di andare avanti e scoprire quali altre disgrazie aspettino la famiglia Piper: perchè ad ogni pagina c'è un elemento che ti fa piangere il cuore.
Tutto inizia con la fuga d'amore di James, 18 anni, e Materia, 13, già promessa in sposa ad un altro uomo. La famiglia di Materia non li perdonerà tanto facilmente, anzi: il padre la maledice e la disereda.
La maledizione ha effetto: Il marito si si pente di averla sposata, si vergogna a farsi vedere in giro con lei e quando nasce Kathleen, sua pupilla, non la tocca nemmeno più.
I drammi della famiglia non finiscono: un parto difficile, la morte di Kathleen per parto, il suicidio di Materia perché ha peccato: ha salvato i due bambini e non Kathleen (Che in cuor suo, non è mai riuscita ad amare); il maldestro tentativo di una bimba di sei anni di battezzare i nipotini, la stessa bambina che, cresciuta, è incapace di farsi amare e con tutta probabilità, di amare a sua volta. (Però la stimo: le sue bambole hanno dei nomi assurdi: Scarlattina, Rose Difterite, i marinai gemelli Tifo e TBC Vedetta, Vaiolo, La Spagnola e Colera La France).
Mercedes è una bambina stupenda: credo di non aver mai provato tanta tenerezza e amore per nessun personaggio letterario. L'adotterei, se fosse possibile.
A 7 anni, quando la mamma si suicida, il padre le affida la cura della sorellina (6 anni) e della nipotina (appena nata), e si trova a crescere improvvisamente, senza l'aiuto di nessuno. Si fa carico delle sorelle, del padre (Che cerca sempre di soddisfare in un modo così commovente che ci sarebbe da piangere), della casa e dei veterani della guerra. Continuando ovviamente ad andare a scuola. Ha una pazienza e una bontà infinite, roba che Gandhi dovrebbe solo che prendere lezioni.
Purtroppo lo stile della MacDonal non è quello che si dice perfetto: passa dal passato al presente, passando dalla terza alla prima persona in modo a volte confusionario.. A volte poi i dialoghi non sono nemmeno virgolettati.
Ma per il grande impatto che dà la storia, ad Ann-Marie si perdona tutto.
La V stellina è perché l'intera vicenda si svolge nel mio amato Canada, e più precisamente nella Nova Scotia, dove ho passato 6 mesi della mia vita.. Insomma, l'ho sentito super vicino. :)
Ah, la V stellina è anche per il fatto che la famiglia di Materia ha origine arabe, dal Libano, più precisamente, e quindi nel testo sono frequenti frasi in arabo.. Ho molto apprezzato, anche se ne ho capite la metà!!


**Letto a dicembre 2010**


Trama Un'isola livida e crudele della Nuova Scozia sul finire dell'Ottocento, un giovane accordatore di pianoforti, una tredicenne libanese. I due si amano, e per sposarsi non esitano a fuggire. La loro passione sarà breve e bruciante, immani le conseguenze: giacché sulle loro figlie si abbatterà un destino di colpe indicibili e occulte menzogne che finirà per distruggerle.

8 commenti:

  1. mmmmmm...non lo conoscevo...va beh non è una novità...da come ne parli sembra un libro tosto..ma non male...lo segno

    RispondiElimina
  2. Non lo conoscevo anchio!
    Mi piace!!! :)
    Da comprare assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la fiducia *__*
      Io l'ho amato ç_ç

      Elimina
  3. Non lo conoscevo proprio...me lo segno subito...storia tragica vieni a me! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non te lo spara-fleshano in prima linea in libreria.. E' un po' nascosto, ma è meraviglioso!!

      Elimina
  4. Sembra un libro che potrebbe piacermi molto. D'altronde, parte avvantaggiato in partenza - tendo a fidarmi molto delle pubblicazioni Adelphi.

    In effetti la prima frase che hai riportato colpisce immediatamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me potrebbe piacerti!!
      Se ti capita di leggerlo poi fammi sapere!! :))

      Elimina